FUORISCHERMO

 

ALL THE INVISIBLE CHILDREN
FLYER
Regia: Mehdi Charef,Emir Kusturica,Spike Lee,Kßtia Lund,Jordan Scott,Ridley Scott,Stefano Veneruso,John Woo
Sceneggiatura:Mehdi Charef,Diego De Silva,Stribor Kusturica,Kßtia Lund,Jordan Scott
Montaggio:Robert A. Ferretti,Dayn Williams
Fotografia:Vittorio Storaro,Jim Whitaker
Musica:Ramin Djawadi
Interpreti principali: Maria Grazia Cucinotta,David Thewlis,Kelly Macdonald,Peppe Lanzetta,Ernesto Mahieux
Origine :Italia, 2005
Durata: 108'
Colore




FLYER Sette pezzi appuntiti. Sette cocci aguzzi di bottiglia. Sette lavori per un unico scopo: raccontare sette sorie di bambini. Sette parti del mondo, lontane, irraggiungibili, ma tristemente vicine per degrado e povertÓ. Dall'Africa (Medhi Caref) al Brasile (Katia Lund), da New York (Spike Lee) alla Gran Bretagna (Ridley Scott), dalla Cina (John Woo) all'Italia (Stefano Veneruso), fino alla Serbia-Montenegro (Emir Kusturica). Sette impronte, ognuna col proprio inconfondibile stile. Sette diversi sguardi. Qualcuno documenta (Lund), qualcun altro sintetizza i temi della sua vita (Spike Lee e Kusturica). Qualcuno invece ricorda (Scott). L'impasto totale non Ŕ male, soprattutto per le intenzioni, pi¨ che per l'efficacia. A parte qualche episodio (quello brasiliano Ŕ il pi¨ riuscito), si gioca un p˛ troppo spesso con la commozione facile e gratuita. Un'idea importante, a cui manca tuttavia un p˛ di originalitÓ. I proventi serviranno a finanziare un progetto Unicef. Tra i produttori anche Maria Grazia Cuccinotta. La colonna sonora Ŕ di Elisa, che in un brano duetta con Tina Turner.
MATTEO MAZZAMATTEO MAZZA